• Francesca Ziroli Aprile

Le rose di Boris Grozdanič Gorjan ci ricordano la bellezza della caducità

Il fiore dell’amore per antonomasia, citata da Shakespeare in Romeo e Giulietta, utilizzata anche da Antoine de Saint-Exupéry nel Piccolo Principe per rappresentare l’amore puro ed eterno.

Una simbologia antica e di grande importanza, tanto da apparire prima al fianco di Venere nella mitologia romana, poi della Vergine Maria nell’iconografia cristiana e nella Divina Commedia come simbolo dell’amore spirituale.


Appartenente alla famiglia delle Rosacee comprende circa 150 specie e il suo significato simbolico è legato strettamente alla sua struttura e al suo colore. Simbolo dell’amore dolce e profumato che si dona solo a chi ha il coraggio di affrontare le impervie spine che ricoprono il suo gambo, raffigurazione della giovinezza e della femminilità, ma anche della caducità della vita e della rinascita.



Questo è il soggetto della serie Roses del fotografo sloveno Boris Grozdanič Gorjan che ci racconta il fascino della bellezza naturale attraverso scatti di grande semplicità e potenza figurativa.

Uno sfondo neutro e uno, massimo due, petali di rosa in una cornice 50x50; una iconografia che ricorda il gusto del movimento italiano dell’arte povera.

Foto semplici e di grande impatto visivo che fanno trasparire tutto l’amore di Boris per l’elemento naturale e per gli affascinanti dettagli che possiamo ritrovare anche in un semplice petalo. Un elemento di facile reperibilità, che possiamo quasi definire “quotidiano” e che così chiaramente pone l’osservatore davanti alla dimostrazione concreta del fatto che molto spesso non è tanto il soggetto, quanto il modo in cui viene rappresentato a destare stupore e curiosità.

Che la natura sia un perfetto equilibrio che offre immagini e scenari mozzafiato è cosa ben nota, ma nella società contemporanea non tutti e non tutti i giorni riescono a concedersi il giusto tempo per dedicarsi all’osservazione attenta di un elemento naturale ed ecco che quando ci capita di osservare un fiore veniamo colpiti dal suo colore sgargiante o dal suo inebriante profumo, dimenticando di notare i più piccoli dettagli che lo caratterizzano.

Le foto di Boris, invece, pongono l’osservatore faccia a faccia con la magia ingegneristica del mondo botanico e ci raccontano e ricordano la straordinaria caducità della vita.

Le infinite venature che si espandono con precisione matematica su tutta la superficie del petalo assumono un colore tendente a toni rossicci, i bordi si arricciano e l’unghia ormai scura ci raccontano che quello che vediamo è un petalo essiccato.

Sappiamo che non vi è profumo né più linfa che scorre in quelle venature, il petalo è stato reciso e ha perso la sua fonte di nutrimento, ma la sua bellezza resta intatta e quasi cristallizzata a ricordarci che c’è del bello nella vita, ma c’è del bello anche nella morte.


VISITA LA PAGINA DELL'ARTISTA

NEWSLETTER

SUBSCRIBE

Some languages are translated automatically

The site uses all of the latest safety protocols. (PCI DSS) di livello 1, ISO 27001, ISO 27018, Transport Layer Security (TLS)...

© 2020 All Rights Reserved FMB Art Gallery | FMB Globo Arte s.rl.s. P. IVA IT15187741002 | Created by fl designer